In Bici da Riva a Casarza

Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter
Raggiungiamo l'estremità orientale di Riva, superando la zona industriale e raggiungendo la strada asfaltata per Moneglia.
Svoltiamo a sinistra raggiungendo un bocciodromo ed il cimitero. (Questa strada proviene dalla Statale del Bracco e si può quindi arrivare fin qui in senso opposto).
Di fronte al bocciodromo ed a fianco del cimitero sale una stretta rotabile asfaltata.
Guadagniamo quota con qualche tornante; la strada diviene sterrata e continua a salire. La pendenza poi diminuisce e c'è anche qualche tratto in lieve discesa.
Raggiungiamo così la testata della valletta, su una panoramica cresta alta sul mare (km 3).
Proseguiamo sulla strada che si trasforma in mulattiera, ciclabile ancora per 200 metri. Poi la salita diventa ripida e faticosa e termina ad un bivio (km 3,5).
Il sentiero a sinistra prosegue l'ascesa non ciclabile, noi andiamo a destra, in leggera discesa, raggiungendo la torre di avvistamento a poca distanza da punta Baffe (km 3,7); vale la pena di deviare brevemente a destra per raggiungere la punta.
Dal bivio nei pressi della torre svoltiamo a sinistra e superiamo un tratto di salita ripido.
Incrociamo il sentiero che sale dal bivio precedente e la pendenza decresce. La salita prosegue in sella fino a raggiungere uno slargo con panche (km 5). Qui si dipartono tre sentieri.
Trascuriamo il sentiero per Moneglia, a destra, percorso dall´itinerario 1 e trascuriamo il sentiero che scende a sinistra.
Prendiamo il sentiero centrale, in moderata salita. Il sentiero è largo e presenta solo qualche breve tratto più ripido. In questo modo arriviamo ad una strada sterrata (km 5,5).
La seguiamo in discesa. Arriviamo facilmente ad un agriturismo (variante) dove troviamo l´asfalto (km 7,2). Scendiamo a destra raggiungendo la SS del Bracco.
Qui svoltiamo a destra in salita. Superiamo l´incrocio con la strada che scende a Casarza ed arriviamo in località La Fornace, facilmente riconoscibile per la discarica di inerti a sinistra (km 9,8).
Immediatamente prima della strada della discarica scende un sentiero con la denominazione Antica Strada, Montà dei Povei.
Lo prendiamo ed iniziamo la non difficile discesa. Il sentiero si allarga a mulattiera che mantiene ancora parte dell'antico fondo selciato.
La mulattiera termina su una strada sterrata (km 11,3). La seguiamo in discesa, raggiungiamo una casa poi una frazione ed il fondo valle.
Costeggiando in piano il torrente arriviamo ad un incrocio dove svoltiamo a sinistra raggiungendo le case nuove di Casarza Ligure.
Svoltiamo a destra ed attraversiamo il ponte sul Petronio raggiungendo il centro (km 13).
Dislivello: 430 m.
Ciclabilità: 98%
 
(fonte: Liguriabike.it) 


Galleria fotografica

   

Cerca dove dormire
Nome
Tipologia
Comune Indirizzo Distanza in km 
Cerca dove mangiare
Nome
Tipologia
Comune Indirizzo Distanza in km