Le meraviglie storiche della Valle Scrivia

Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter
La Valle Scrivia è una piccola valle alle spalle di Genova, articolata lungo le sorgenti e l'alto corso di un torrente, affluente del fiume Po, lo Scrivia.

Valbrevenna.
Tra i piccoli centri che lo compongono ricordiamo Senarega, notevole aggregazione rurale di impianto medioevale giunto fino a noi pressoché intatto. E' dominato dalla chiesa parrocchiale e dal castello Senarega-Fieschi. Il bellissimo ponte in pietra a una sola arcata conduce alla cappelletta di Nostra Signora delle Grazie e al centro del paese.
Il Castello Senarega-Fieschi risale al XV secolo e testimonia come in passato il paese sia stato un importante centro non solo agricolo ma anche amministrativo. i primi proprietari furono proprio i Senarega che nel 1400 lo cedettero ai Fieschi.
Nei fondi della canonica di Senarega si trova la Sezione Etnologica del Museo Storico dell'Alta Valle Scrivia. Nel Museo sono esposti molti oggetti e alcuni fogli, scritti dagli ultimi testimoni della cultura contadina della Valbrevenna. (Ingresso al Museo gratuito, apertura su prenotazione al numero 010 9641794 oppure 0109640211).
Vobbia ha rappresentato il crocevia e la frontiera tra i feudi dei Fieschi, degli Spinola e degli Adorno. E' uno dei Comuni più distanti dal mare ed ha numerosa frazioni sparse sulle montagne. La vocazione del paese è sempre stata agricola, ma gli studiosi non escluso che a Vobbia si praticassero, grazie alla sua posizione di passaggio, anche l'alloggiamento, il somaggio, la ristorazione e il brigantaggio. L'orgoglio di Vobbia è il Castello della Pietra, il cui nucleo originario è medioevale e risale al mille. La singolarità della posizione, la sorprendente maestria nella costruzione dei corpi murari e delle cisterne per la conservazione dell'acqua, nonché la bellezza dell'ambiente circostante rendono il Castello della Pietra un monumento unico nel suo genere. E' raggiungibile con un facile sentiero percorribile in circa 20 minuti. (Per informazioni contattare il Parco dell'Antola al numero 010 944175).
Busalla dista 27 km da Genova, qui si possono vedere importanti ville signorili costruite dopo la fine della Prima Guerra Mondiale, come per esempio Villa Borzino, Villa Paradiso e Villa Sanguineti. Tra gli edifici religiosi più antichi ricordiamo la Chiesa parrocchiale di San Giorgio e la Chiesa parrocchiale di San Martino. L'arrivo della ferrovia nella prima metà del XIX secolo segnò lo sviluppo economico e sociale del comune, trasformando il piccolo abitato in una città residenziale della borghesia genovese completa di caffè e ritrovi eleganti di lusso.
Casella, l'origine di questo nome deriva probabilmente da cassella, nome con cui erano chiamate le case coloniche con stalla al pian terreno e abitazione al primo piano. Una casella si vede ancora in località Braia. Da sempre luogo di passaggio delle merci che lungo una delle tante vie del sale giungevano da Genova dirette nella pianura padana, fu abilmente governata dai Fieschi che ne fecero una sorta di casa-mercato. Il palazzo fu una dimora di controllo delle entrate. Monumentale per la sua massa possente ma al contempo funzionale, è caratterizzato da una pianta quadrangolare con grande cortile e atri passanti contrapposti.
Nella torre venivano allevati i piccioni viaggiatori, nelle costruzioni laterali stavano le scuderie, di fronte su eretto il Palazzetto per il ristoro dei viandanti e dei mercanti. Dal punto di vista della storia ecclesiastica la Chiesa Parrocchiale di Santo Stefano è un delle più interessanti chiese settecentesche del genovesato. Costruita tra il 1718 e il 1722 a pianta ellittica è stata oggetto di pesanti dipinture baroccheggianti.
Proprio da Casella parte il trenino che porta a Genova, si tratta di una delle ultime ferrovie a scartamento ridotto d'Italia. La stazione di Casella fu realizzata nel 1929, il trenino percorre in un'ora il tragitto, attraversando le valli Scrivia, Polcevera e Bisagno. Le carrozze più antiche sono del 1929 e hanno arredi in pitchpine e rovere e rifiniture in bronzo. La carrozza bar ha tinte blu e crema, mentre la locomotiva storica è del 1924 e fu realizzata da Brown Boveri. Per info www.ferroviagenovacasella.it
Crocefieschi è un borgo che mantiene da secoli la stessa struttura di paese antico, le case si sviluppano linearmente lungo un budello caratteristico, considerato il centro storico e il centro commerciale del paese. A partire dal novecento il paese è diventato meta di villeggiatura estiva per i genovesi e milanesi alla ricerca di quiete e fresco. Da Crocefieschi si organizzano le escursioni per il Reopasso, per la Carrega del Diavolo. L'associazione Amici di Crocefieschi gestisce il Parco Braia durante la stagione estiva e organizza sempre un calendario di eventi.
Il Reopasso è una delle più curiose formazioni rocciose della Valle Scrivia. Dalla cima della montagna si ha uno splendido panorama.
Montoggio è una località della bellissima Liguria rurale nell'immediato entroterra, e sorge dove i torrenti Laccio e Pentemina confluiscono a formare lo Scrivia, ad un'altitudine compresa tra i 450 e i 1000 metri ed è ricca di testimonianze storiche e di risorse culturali, paesaggistiche e gastronomiche.  Diversi sono i punti di interesse quali l'Area del Castello dei Fieschi, la Cappella di San Rocco, la Chiesa di San Giovanni Battista, il Ponte medioevale e il Santuario di Nostra Signora di Tre Fontane. Per visitare il Santuario è necessario telefonare al numero 010 938852.
Ronco Scrivia è oggi attraversato dalla ferrovia, costruita nell'800, e dall'autostrada. Si è conservato molto bene il ponte quattrocentesco a tre arcate sullo Scrivia. Il Castello di Borgo Fornari, risalente al 1214, ha subito numerose opere di ristrutturazione e ampliamento. I locali interni sono stati ristrutturati per permettere l'allestimento di un polo museale, di laboratori e aule didattiche. (Info Coop. Castello della Pietra 349 4986659). Ronco Scrivia è anche importante per il suo complesso sportivo, dove si trovano i campi da tennis, piscina e due campi di calcio. Inoltre è sede della OMP Racing, nata a Genova nel 1973 e leader mondiale nei settori Racing, Tuning e Karting.
Nei pressi di Ronco Scrivia si trova l'Antica Abbazia Cistercense del Porale, fondata dai monaci nel 1208 per dare ospitalità ai viandanti. La tradizione narra che anche Dante , durante il suo peregrinare, fosse giunto al Porale e avesse ottenuto ospitalità dai monaci cistercensi. Oggi restano solo macigni e la cappella costruita proprio sulle rovine.

(Fonte Valli Genovesi Scrivia e Polcevera - Regione Liguria)
 


Galleria fotografica

   

Cerca dove dormire
Nome
Tipologia
Comune Indirizzo Distanza in km 
Cerca dove mangiare
Nome
Tipologia
Comune Indirizzo Distanza in km